Uber Eats celebra la Giornata mondiale dell’Hamburger

Uber Eats celebra la Giornata mondiale dell’Hamburger

Simpatico, innovativo o gourmet per chi è alla ricerca di qualcosa di speciale, ma da accompagnare sempre a una birra. Ecco i dati più rilevanti della ricerca in collaborazione con Nextplora

Il 28 maggio ricorre la “Giornata Mondiale dell’Hamburger” per celebrare il panino più famoso in tutto il mondo. In occasione dell’Hamburger Day Uber Eats presenta i risultati di una ricerca condotta in partnership con Nextplora per scoprire perché è così tanto amato in Italia, le occasioni di consumo e le curiosità legate a uno dei piatti più amati.

Piatto made in USA , è ormai entrato nelle case degli italiani da diversi anni, sinonimo di gioia e allegria per il 50% degli italiani, senza distinzione di età o regioni, ma anche cibo coccola” per eccellenza, in particolare per le donne (24%) e nella fascia d’età tra i 35 e i 44 anni.

Il momento preferito degli italiani per mangiare l’hamburger è la cena (70%), sia durante i weekend sia nella settimana, soprattutto single o coppie senza figli. In molto prediligono mangiare questo comfort food a casa, in particolare nella fascia 35 – 44 anni (46%), davanti alla TV, il 31% invece, si reca al fast food o al ristorante. Gli under 30 – prevalentemente al Nord – preferiscono mangiare l’hamburger con gli amici. Stessa tendenza anche con i single o le coppie, che oltre che con gli amici, lo prediligono anche come piatto per una cena a due. Per il 29% degli intervistati, però, l’hamburger va bene in qualsiasi situazione!

Quando si parla di scelta, il 41% preferisce sempre dare un’occhiata al menù per vedere le differenti proposte, soprattutto al Centro Italia (47%) e nella fascia d’età tra i 45 e i 54 anni (47%). Ma la maggioranza – il 53% – sceglie in base agli ingredienti con cui è fatto l’hamburger, in particolare il 61% di single o coppie senza figli.

Lungo lo stivale l’hamburger viene associato a diverse occasioni di consumo: partendo dal Sud il 37% degli intervistati, si concede un hamburger quando vuole mangiare qualcosa di buono, al centro per godere di un momento di relax mentre al nord è un cibo facile ed immediato da preparare per cene informali (35%). L’80% degli italiani però è d’accordo sul fatto che non sia un cibo da proporre al primo appuntamento, in particolare al Nord-Est (87%) e tra la popolazione più adulta tra i 55 – 64 anni (87%). Ma il 48% valuta l’hamburger come una buona scelta per una cena alternativa, informale ma sofisticata, in particolare al Sud e nelle isole (57%).

In tutta Italia quando si pensa all’hamburger il primo sport che viene in mente è il calcio (19%), seguito dai giocatori di videogame (12%) e successivamente il bowling (11%).

Analizzando i gusti alimentari degli italiani quando si parla di hamburger, secondo la ricerca Uber Eats, il Cheeseburger con carne di bovino pregiata e alla griglia con pane morbido al sesamo, insalata , bacon e salse (maionese 33%, ketchup 21% e Salsa BBQ 20%) è il preferito dagli Italiani, accompagnato da una bibita gassata (29%) o birra (46%). Ma nell’indagine è stato chiesto agli italiani di pensare a come dovrebbe essere un hamburger ‘innovativo’ e che rispecchia i sapori della tradizione culinaria dello stivale e di pensare a quale vino si sposa meglio con questo piatto. Per un hamburger realizzato con farine locali per il pane, carne tipica regionale e formaggi e salumi nostrani il miglior abbinamento è un vino rosso (fermo 31% o frizzante 23%).

È inutile negarlo, l’hamburger, in tutte le sue forme, rimane uno dei protagonisti assoluti della scena gastronomica mondiale. Quando si pensa a questo cibo vince più la simpatia che l’aspetto estetico: il 19% degli italiani lo ha paragonato a un personaggio simpatico come Danny De Vito e il 18% all’attore comico Ben Stiller ma non al sex symbol per eccellenza Brad Pitt (l’hamburger viene paragonato al bell’attore solo in maggioranza nel Nord-Ovest per il 21% degli intervistati)… Forse perché nella sua forma poco slanciata e rotonda racchiude gusto e bontà e mette allegria nei consumatori.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

EasyPark: parcheggiare con l'app è il new normal

EasyPark: parcheggiare con l’app è il new normal

Record EasyPark in Italia: sono 500 le città grandi, medie e piccole, da nord a …

Lascia un commento

Oppure