Home / Stile di vita universitario / Sanremo 2020, cosa succede fuori dall’Ariston?

Sanremo 2020, cosa succede fuori dall’Ariston?

Sanremo è Sanremo anche fuori dall’Ariston. Questa è una settimana di caos festoso, musica in piazza, aperitivi, incontri, mostre.

Rendere il colore portato dal Festival con le parole non è facilissimo, ma qualche esempio per incuriosire si può fare.

Partiamo da Casa Siae (Società Italiana degli Autori ed Editori), che si trova al centro di Piazza Colombo e offre un fitto programma di eventi coordinato da Massimo Bonelli di iCompany. Domani alle 15 ci sarà l’ultimo Caffè d’Autore, con ospite un’enciclopedia della musica come Eddy Anselmi, giornalista, autore tv e storico non solo della musica leggera ma anche del costume. L’incontro racconterà i primi memorabili 70 anni del Festival di Sanremo, con passione e un occhio speciale alle storie e alle curiosità del Festival e ai cambiamenti musicali e di costume che accompagnano la macchina festivaliera. Una chicca che, come tutti gli incontri di Casa Siae, sarà in diretta streaming sulla pagina Facebook di Siae.

Sanremo: e poi?

Altro giro, altro mondo: sempre vicinissimo al Teatro Ariston c’è uno spazio delizioso allestito da Amazon Music Italia, diventato Cafè con un salottino in cui sono passati vari artisti per interviste. All’Amazon Music Cafè non solo c’è Amazon Music ma anche Alexa, con cui si può interagire liberamente attraverso diversi dispositivi Echo presenti all’interno del bar: qualunque curiosità sul Festival si abbia basta chiedere e la risposta arriva, immancabilmente.

Finiamo con le radio: c’è il truck di Radio Rai Due, ad esempio, un rosso fiammante in una piazzetta a due passi dal Teatro Ariston. La folla è sempre fitta lì davanti, gli ospiti prestigiosi. Ma, tra le tante altre, c’è Radio Marte che ha fatto esibire, dal vivo, alcuni cantanti emergenti messi “in mostra” nella vetrina di un negozio: un nome per tutti, il ragazzo che è capito a me di sentire, Vittorioso, tutto riccioli e chitarra.

C’è chi ha fatto una scelta diversa come Cluster FM, che sta trasmettendo (fino a domenica su cluster.fm in collaborazione con All Music Italia) in diretta dalla boutique Spk. Lì Cluster Adv ha organizzato un aperitivo esclusivo che ha accolto imprenditori, artisti, musicisti. La particolarità sta nello scambio di eccellenze che avvengono a Sanremo: Cluster ha portato infatti lo chef Matteo Cocchetti (nella foto con Matteo Faustini, in gara tra i giovani del Festival) della pasticceria Roberto di Erbusco, inserita tra i campioni della Guida Bar d’Italia 2020 del Gambero Rosso. A sorpresa è arrivata anche la band di Raphael Gualazzi che ha improvvisato un mini show: perché il divertimento in musica, a Sanremo, questa settimana si trova ovunque.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Su Audible arriva “StayOm! Diario creativo al tempo della quarantena”

Su Audible arriva “StayOm! Diario creativo al tempo della quarantena”

L’instant podcast che racconta la quarantena di tantissimi personaggi dello spettacolo intervistati da Michele Dalai

Lascia un commento

Oppure