Home / Università / “I giovani nell’era digitale” e la nevrosi collettiva da coronavirus

“I giovani nell’era digitale” e la nevrosi collettiva da coronavirus

Lo studio del Prof. Farina dell’Università Europea di Roma inaugura l’anno accademico 2019/2020 dell’ateneo, analizzando la nevrosi collettiva generata dal coronavirus

L’Anno Accademico dell’Università Europea di Roma si è aperto con l’esposizione da parte del Prof. Benedetto Farina, Ordinario di Psicologia clinica presso l’ateneo, di uno studio dal titolo: “I giovani nell’era digitale”.

La relazione del Prof. Farina è stata incentrata sugli effetti della nevrosi collettiva da coronavirus, parlando di rischi della diffusione di informazioni digitali.

La fobia dell’epidemia globale dilaga a causa della sovraesposizione mediatica del tema coronavirus: tra flussi di informazioni, fake news e tendenza all’enfatizzazione sui titoli sul Covid-19, chi naviga in rete si sente in costante pericolo e la infodemia appare l’unica risposta per proteggersi.

 

Il Professore Benedetto Farina, durante il suo intervento all’inaugurazione del nuovo Anno Accademico 2019/2020, ha posto l’accento su questa delicata questione dichiarando: “La rete è diventata l’infrastruttura su cui poggia tutto che ciò che facciamo. Ad oggi incombe su di noi la minaccia di una nuova forma di nozionismo in cui la dimensione orizzontale della circolazione culturale diviene antitetica a qualsiasi forma di apprendimento verticale.

In questo preciso momento storico l’era del sapere fai-da-te lede qualsiasi forma di mediazione culturale, quella esercitata dai professori, editori e giornalisti costituendo la causa principale della perdita della capacità di selezionare l’autorevolezza delle fonti d’informazione. Il sentimento di rabbiosa delegittimazione e rifiuto verso le conoscenze degli esperti in favore delle proprie opinioni danno vita all’era dell’incompetenza ”

“I cambiamenti delle funzioni cognitive- continua il Prof. Farina – danno vita a profonde involuzioni dei comportamenti socio-relazionali, generando un problema culturale. L’unico modo per sovvertire questa tendenza è che le Università diventino il sistema immunitario della società contro i rischi dell’incompetenza”.

 

Il 90 % della popolazione mondiale utilizza i social per documentarsi e la rivista BMC Psychiatry ha riscontrato un eccessivo tasso di utilizzo dello smartphone da parte dei cittadini. Nelle giovani generazioni, inoltre, vi è un aumento delle patologie psico-cognitive strettamente connesse all’incapacità di leggere criticamente una comunicazione e nella corretta scelta delle fonti.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Lockdown, 1 genitore su 5 vive con preoccupazione il rapporto con i figli

Lockdown, 1 genitore su 5 vive con preoccupazione il rapporto con i figli

Ma i genitori hanno anche scoperto modi nuovi per vivere insieme spazi e tempi. È quanto …

Lascia un commento

Oppure