Home / Stile di vita universitario / Dan John alla conquista del mondo: boom di vendite online in USA, Francia e Germania

Dan John alla conquista del mondo: boom di vendite online in USA, Francia e Germania

L’e-commerce di Dan John cresce del 150%, con richieste da tutto il mondo, vestendo uomini di ogni età, e punta a raggiungere i 50 mila ordini online. Molti i personaggi noti che si rivolgono all’azienda, soprattutto calciatori

Dan John alla conquista del mondo: boom di vendite online in USA, Francia e Germania

Dan John convince il mercato USA ed europeo, e veste gli uomini di tutto il mondo. Sebbene sia sul mercato da appena qualche anno, il brand italiano di moda maschile è da subito risultato essere apprezzato trasversalmente dal pubblico maschile, dai ventenni ai settantenni. Da poco più di un anno, inoltre, l’azienda ha avviato importanti campagne di vendita online, servendo con il proprio servizio di spedizioni circa 150 paesi del mondo, e la risposta non si è fatta attendere.

Le vendite online di abiti ed accessori nel 2019 hanno subito una forte impennata, con una crescita a livello globale addirittura del 150%, e gli Stati Uniti d’America a pesare maggiormente sull’incremento.

Sono, intatti, i paesi del Nord America il secondo interlocutore di Dan John, subito dopo l’Italia, con circa 5 mila ordini online effettuati negli ultimi 16 mesi. Ottimo anche il riscontro in Europa, dove l’azienda vede crescere il volume delle vendite di oltre il 40%. Nel vecchio continente, al primo posto troviamo l’Italia, ormai largamente fidelizzata ed affezionata al prodotto, seguita dalla Francia, dove i consumatori sono storicamente molto attenti alla qualità e alla raffinatezza di ciò che indossano, e dalla Germania, che sembra apprezzare soprattutto la versatilità degli abiti proposti, indossabili in occasioni molto diverse tra loro. Restano appena fuori dal podio il Regno Unito e Spagna, quasi a parimerito per volume di ordini online fatti.

Dati che testimoniano l’interesse nei confronti dei prodotti, ma anche l’efficacia del nuovo sito web, che risulta graficamente più accattivante, molto intuitivo, user friendly (si acquistano gli abiti in 2 click, per gli accessori ne basta uno) e, soprattutto, mobile friendly, cosa non certo trascurabile, se si tiene presente che il 70% degli ordini arriva da dispositivi mobili.

“Devo ammettere che un simile volume di vendite già dai primi mesi va ben oltre le nostre aspettative, anche se eravamo consapevoli di immettere sul mercato internazionale un prodotto in grado di incontrare i gusti degli uomini di tutto il mondo, qualitativamente ottimo e ad un prezzo molto competitivo. – Ha commentato Daniele Raccah, co-fondatore di Dan John, insieme a Giovanni Della Rocca. – Il segreto del successo dei nostri abiti è che non cedono mai agli effimeri trend del momento, pur tenendone comunque conto. Ne derivano capi senza tempo, classici ma attuali, dalle linee pulite e perfetti in ogni occasione. Inoltre, la scelta dei tessuti è un altro dei nostri punti forti. Selezioniamo esclusivamente filati italiani di eccellente fattura, per questo vantiamo tra i nostri clienti anche molti volti noti, soprattutto calciatori di fama internazionale. Grazie alla cura che mettiamo nel realizzare il nostro prodotto, abbiamo un tasso del 40% di costumer retention, cioè clienti abituali, anche online, un dato che ci dà grande soddisfazione, bel al di sopra della media calcolata tra i nostri diretti competitors. Il nostro prossimo obiettivo è raggiungere i 50 mila ordini online per il 2019”.

La forte crescita del volume di vendite online ha portato ad un ampliamento anche del team, che si occupa del settore, che conta oggi 7 risorse dedicate, e l’azienda ha fatto sapere che è attualmente alla ricerca di un’ulteriore figura da inserire in azienda, giovane ma con già un po’ di esperienza nel settore e-commerce.

Lo sviluppo delle vendite online rientra in una strategia aziendale più ampia, che punta all’internazionalizzazione con l’apertura di store monomarca in diverse città del mondo, iniziando dalla Spagna nel 2019, per passare poi a Germania, Belgio e Francia e successivamente gli Stati Uniti d’America dal prossimo anno.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Qui c'è campo, la cultura degli orti a Cernobbio

Qui c’è campo, la cultura degli orti a Cernobbio

Qui c’è campo nasce con l’obiettivo di stimolare la nascita e lo sviluppo di nuove …

Lascia un commento

Oppure