Home / Università / “La Città Educante” cambia i paradigmi della formazione digitale
“La Città Educante” cambia i paradigmi della formazione digitale
Presentati a Roma i risultati del progetto “La Città Educante” che ha sperimentato l’uso di modelli innovativi di insegnamento e apprendimento

“La Città Educante” cambia i paradigmi della formazione digitale

Presentati a Roma i risultati del progetto “La Città Educante”, cofinanziato dal Miur che ha sperimentato, grazie alla tecnologia, l’uso di modelli innovativi di insegnamento e apprendimento, rivolti a ogni età e orientati all’inclusione sociale

Il digitale cambia i paradigmi della formazione, offre metodi e approcci originali per formare cittadini più consapevoli, dà nuove opportunità per superare limiti fisici o temporali.

Il Progetto di ricerca La Città Educante, che si conclude oggi con un convegno promosso da Almaviva e Rai presso la sede del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), ha introdotto l’utilizzo delle nuove tecnologie nell’elaborazione di modelli innovativi di insegnamento e apprendimento, in una logica di inclusione sociale.

Cofinanziato dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, il progetto, avviato nel 2014 e terminato nel 2018, fa parte del cluster “Tecnologie per le Smart Communities”.

E’ stato guidato da Almaviva ed ha coinvolto la Rai e i dipartimenti del CNR di Ingegneria, ICT e Tecnologie per l’Energia e i Trasporti (DIITET) e di Scienze Umane e Sociali, Patrimonio Culturale (DSU). Nel partenariato sono presenti la Fondazione Reggio Children – Centro Loris Malaguzzi, le Università degli studi di Modena e Reggio (Unimore) e di Trento (UniTrento), nonché un’associazione temporanea d’impresa coordinata da NetResults. Rai, con il coordinamento della Direzione Qualità e Pianificazione, ha contribuito al progetto con contenuti audiovisivi rielaborati allo scopo ad alta qualità e con applicazioni multimediali.

“La Città Educante” ha portato alla realizzazione di nuovi percorsi e strumenti formativi che hanno reso partecipi bambini, ragazzi, adulti e anziani come soggetti di life-long-learning, insegnanti, dirigenti scolastici, coordinatori pedagogici e professionisti ICT. Le esperienze sono state illustrate nel corso del convegno e rappresentate nello spazio multimediale allestito nella sede del CNR a dimostrazione del valore innovativo e dell’efficacia dei modelli sperimentati.

Le tappe del progetto, descritte anche in un libro presentato al convegno, dal titolo “La Città Educante – Metodologie e tecnologie innovative a servizio delle Smart Communities” (Liguori Editore), sono diverse: dall’esplorazione di ambienti sostenuti da tecnologie digitali, come l’orto tecnologico nelle scuole dell’infanzia e primarie di Reggio Emilia, alla sperimentazione del “sistema d’aula” per la trasmissione e registrazione delle lezioni presso la scuola dell’infanzia comunale Rosa Agazzi di Pisa; dai percorsi interattivi supportati dall’ICT per la comprensione della matematica attraverso il problem solving nelle scuole di Torino, all’applicazione di strumenti per favorire l’apprendimento e contrastare l’abbandono nei primi anni di studio accademico presso l’Università di Trento.

E ancora, dall’uso di giochi digitali per l’acquisizione di abilità di base nella scuola primaria, all’uso della tecnologia per favorire un invecchiamento attivo, fino ai sistemi didattico-tecnologici per il potenziamento cognitivo di bambini con disabilità intellettiva e autismo.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

L'Università di Udine avvia attività di ricerca con il Naval Research Laboratory 

L’Università di Udine avvia attività di ricerca con il Naval Research Laboratory 

La collaborazione con il Naval Research Laboratory riguarda progetti di ricerca sui sistemi autonomi intelligenti: …

Lascia un commento

Oppure