Home / Stile di vita universitario / Al via a Modena le “Olimpiadi robotiche”: sette scuole in gara
Al via a Modena le "Olimpiadi robotiche": sette scuole in gara
Sabato 12 e domenica 13 gennaio a Expo Elettronica a ModenaFiere avranno inizio le Olimpiadi robotiche, dove si sfideranno sette piccoli robot

Al via a Modena le “Olimpiadi robotiche”: sette scuole in gara

Sabato 12 e domenica 13 gennaio a Expo Elettronica a ModenaFiere avranno inizio le Olimpiadi robotiche, dove si sfideranno sette piccoli robot

Sette piccoli robot – interamente programmati da studenti modenesi e non – si sfideranno in un torneo di calcetto, in una gara di velocità, in un combattimento di sumo e a uscire da un labirinto: i giovani in gara sono del Corni e Città dei Ragazzi di Modena, Volta di Sassuolo, Levi di Vignola. Partecipano anche tre scuole da fuori regione: in arrivo classi da Udine, Lonato del Garda (BS), Agordo (BL)

Non solo nativi digitali, ma veri e propri programmatori junior: gli studenti degli istituti tecnici Corni e Città dei Ragazzi di Modena, Volta di Sassuolo, Levi di Vignola, così come quelli del “Cerebotani” di Lonato del Garda, dell’istituto salesiano Bearzi di Udine e del “Follador-De Rossi” di Agordo (BL) sono già in grado di costruire autonomamente piccoli robot e programmarli per renderli il più performanti possibile. Ma chi sa farlo meglio?

I sette istituti si sfideranno sabato 12 e domenica 13 gennaio a Expo Elettronica, presso il quartiere fieristico di Modena: gli organizzatori della manifestazione, infatti, hanno donato a ogni scuola un robottino Printbot Evolution che i ragazzi hanno montato e programmato in classe; in fiera li faranno scendere in campo per misurarsi in quattro prove di abilità: line-follower (il robot deve seguire una linea nera nel più breve tempo possibile), robot-calcio (è una sfida due contro due, l’obiettivo è fare goal), robot-sumo (vince il robot che spinge l’altro fuori dalla pedana di gara) e labirinto (bisogna guidare il robot fuori da un labirinto).

Il robot meglio programmato porterà la sua scuola sul podio, ma il premio sarà uguale per tutti gli istituti: una dotazione di libri tecnici da utilizzare nel corso dell’anno scolastico.

Il montaggio e la programmazione del robot contribuisce ad alimentare abilità come la creatività, il lavoro di squadra, il pensiero critico, abilità motorie e di progettazione 3D: non solo divertimento, dunque, ma il primo passo verso un’educazione tecnologica.

Quella modenese è solo una tappa delle “Olimpiadi robotiche”: ci saranno anche altri appuntamenti in giro per l’Italia e la finale si disputerà a maggio a Forlì.

Questa è solo una delle proposte innovative che si possono trovare da sabato prossimo a Mo.Ma Modena Makers, lo spazio di Expo Elettronica dedicato ai makers – quelli che potremmo definire gli “artigiani digitali” – che si pone l’obiettivo di presentare una panoramica comprensibile a tutti sulle nuove opportunità che la tecnologia offre, ad oggi, per chi vuole confrontarsi con l’universo DIY (do it yourself). MoMa da spazio ai progetti di Istituti Tecnici, Associazioni e FabLab.

Il pubblico potrà partecipare ai CoderDojo di scratch, visionare progetti realizzati di automazione realizzati con Arduino e Raspberry Pi, vedere all’opera le stampanti 3D, Droni, partecipare ai mini talk di aggiornamento e approfondire i vantaggi del Software Libero e Open Source in una logica di condivisione del sapere tecnologico e artigiano.

Il cuore della fiera, naturalmente, è l’elettronica: oltre 300 espositori propongono migliaia di articoli di informatica, piccoli elettrodomestici, telefonia, tablet, home theatre, accessori per videogiochi, illuminazione, ricambi, minuteria e prodotti per l’hobbistica e il fai da te.

Ma Expo Elettronica è anche sinonimo di videogiochi, cosplay e modellismo grazie alle altre aree dedicate.

In particolare CosmoComix è il primo appuntamento dell’anno per i “games addicted”: si tratta della fiera del fumetto, del gioco e del multimedia. Qui gli appassionati trovano aree dedicate ai videogiochi e ai card games del momento – senza dimenticare i retrogames “vintage” per i più nostalgici – e possono incontrare youtuber, fumettisti e cosplayer. Tra le novità più curiose la “scuola di jedi” per imparare a usare la spada laser e un evento dedicato al K-pop, il fenomeno musicale che arriva dalla Corea; immancabile un’intera sezione pensata per i patiti dei mattoncini LEGO.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Focus Pico propone alle scuole materne un progetto di sand painting

Focus Pico propone alle scuole materne un progetto di sand painting

Focus Pico ha presentato “L’ABC dei Sabbiarelli”, progetto di licensing che stimola la creatività dei più …

Lascia un commento

Oppure