Home / Stile di vita universitario / I viaggi da non perdere secondo CartOrange
I viaggi da non perdere secondo CartOrange
CartOrange, la più grande azienda italiana di consulenti di viaggio, svela le nove destinazioni da non perdere, per essere al centro degli eventi del 2019

I viaggi da non perdere secondo CartOrange

CartOrange svela le nove destinazioni da non perdere, per essere al centro degli eventi del 2019


Partecipare agli eventi globali e locali più interessanti è l’occasione per esplorare le mete più diverse. Tra festival musicali, anniversari, celebrazioni e nuovi capolavori architettonici, ecco i Paesi da visitare l’anno prossimo secondo i consulenti di viaggio CartOrange.

Il desiderio di vivere momenti unici è alla base di uno dei trend che più si sono affermati in questi ultimi anni: quello dei viaggi esperienziali, itinerari personalizzati arricchiti da proposte a tema (culturali, sportive, naturalistiche, culinarie…).

«Agli operatori è richiesto sempre più un ruolo di consulenza e scouting delle novità più insolite e particolari» conferma Eleonora Sasso del reparto marketing di CartOrange, la più grande azienda italiana di consulenti di viaggio, specializzata in vacanze su misura. «Essere tra i primi a vedere qualcosa di nuovo, vivere un’esperienza irripetibile, poter dire “io c’ero”: sono elementi che per i viaggiatori di oggi valgono di più di qualsiasi souvenir». Ecco perché, alla domanda “quali sono le mete di tendenza del 2019?”, la riposta è solo una: quelle dove si potrà essere al centro dell’azione, tra celebrazioni, festival e nuove attrazioni. Eccone nove selezionate dai consulenti per viaggiare CartOrange.

USA: il Grand Canyon per festeggiare il centenario del parco nazionale

Il 2019 è l’anno delle “Centennial Celebrations” del Grand Canyon National Park in Arizona: l’anno prossimo sarà dunque il periodo migliore per visitare questo e altri parchi americani, perché ci saranno moltissime iniziative speciali, tra mostre, concerti e celebrazioni di ogni tipo. «A chi vuole scoprire queste zone, suggeriamo un itinerario che comprenda sicuramente escursioni a piedi o in bicicletta e, per i più avventurosi, un rafting sul Colorado River, proprio come Alexander Supertramp del film “Into the wild”» consiglia Eleonora Sasso di CartOrange.

Il Giappone per i mondiali di rugby (e per prepararsi alle Olimpiadi di Tokyo 2020)

«Il Giappone è una meta che negli ultimi anni ha avuto un successo incredibile e il 2019 non farà eccezione – spiega Eleonora Sasso –. I mondiali di rugby che si terranno tra settembre e novembre attireranno numerosi turisti, e in più si stanno ultimando i preparativi per le Olimpiadi di Tokyo 2020». Tutto è pronto per accogliere i visitatori dunque. Proprio in autunno i viaggiatori CartOrange potranno vivere esperienze particolari, per esempio assistere al Takayama Matsuri di ottobre, uno dei più importanti festival giapponesi. Per completare, una serata al Kokugikan di Tokyo a settembre, oppure a Fukuoka (Kokusai Center) a novembre, per assistere al torneo di Sumo!

La Cina per scoprire l’arte contemporanea e l’architettura del futuro

Non solo Grande Muraglia e Città Proibita: in Cina le vestigia del passato oggi convivono con novità proiettate del futuro. «La Cina sta diventando uno dei luoghi più eccitanti del mondo anche per l’arte e l’architettura contemporanea – spiega Eleonora Sasso –. Oggi un viaggio nel Paese deve comprendere almeno una sosta nei nuovi musei, come il Guardian Art Center a Pechino, il Tai Kwun Center for Heritage and Arts a Hong Kong e l’ultimissimo arrivato, il TANK a Shanghai, che dovrebbe inaugurare a marzo 2019».

Dall’aeroporto di Pudong (Shanghai), prendendo il Maglev (treno a levitazione magnetica), è possibile visitare le antiche città d’acqua famose per le architetture tradizionali cinesi e i ponticelli che collegano le viette ospitanti botteghe e case tradizionali.

La Scozia per un nuovo museo dedicato al design

La Scozia è una meta nota agli italiani soprattutto per i castelli, gli scenari naturali, le tradizioni. La novità è che sta diventando un polo di attrazione per gli amanti del design.

«Il nuovo Victoria and Albert Museum a Dundee, inaugurato appena lo scorso settembre, si candida ad essere una delle mete culturali più interessanti dei prossimi anni e promette di riqualificare una zona poco frequentata e conosciuta – spiega Eleonora Sasso –. La visita al museo può essere affiancata ad altre esperienze particolari nel paese, come partecipare agli Highland Games, manifestazioni di origine celtica che si svolgono da maggio a settembre in diverse città della Scozia».

La Corea del Sud per visitare i monasteri buddisti patrimonio dell’Unesco

In questo Paese che da pochissimo ha cominciato a lavorare sulla propria vocazione turistica ci sono molti luoghi da scoprire.

«Per esempio i monasteri buddisti della parte meridionale della Corea del Sud, che sono da poco entrati a far parte della lista dei patrimoni dell’umanità protetti dall’Unesco – afferma Eleonora Sasso –. Inoltre, poco distante da Seoul si trova il villaggio Bukchon Hanok, dove ammirare l’antica architettura residenziale coreana. Si può dormire in una di queste case tradizionali su cuscini a terra mantenuti caldi dal sistema di riscaldamento del pavimento, l’Ondol».

Con CartOrange si può anche fare l’esperienza di assaggiare le caratteristiche torte di riso dolce in una casa da tè tradizionale.

Il Marocco sulle orme di Papa Francesco

Fra pochi mesi Papa Francesco sarà il secondo pontefice a visitare il Marocco fra il 30 e il 31 marzo prossimi.

Il Paese nordafricano è una meta sempre più gettonata, secondo Eleonora Sasso, «Proprio perché è un luogo dove la grande eredità culturale si sposa con un clima di dialogo fra le religioni e una forte tradizione di ospitalità».

Dunque perché non seguire le orme del Papa? Oltre alla capitale, Rabat, e a Casablanca, la città più grande e il principale centro economico, CartOrange consiglia un soggiorno in riad nella mitica medina di Marrakesh per godersi ogni angolo e viuzza, fino a giungere nella bellissima Piazza di Jemaa El Fna per godersi lo spettacolo degli incantatori di serpenti, farsi disegnare un tatuaggio all’henné e assaporare delle prelibatezze della cucina tipica in uno dei tanti locali presenti in piazza con panorami mozzafiato.

La Giordania: nuove strutture alberghiere e nuovi collegamenti dall’Italia

Un Paese mediorientale da visitare in comodità e sicurezza è la Giordania, che negli ultimi anni ha investito molto nel turismo, forte della presenza di siti archeologici incredibili.

«Nuove rotte aeree hanno recentemente aperto da Roma su Aqaba e da Bologna e Bergamo su Amman – fa notare Eleonora Sassomentre è stata potenziata l’offerta di hotel e resort nelle principali città, a Petra e sul Mar Morto».

Ma a essere magico è il deserto: come il Wadi Rum, il più grande della Giordania, da esplorare con un’escursione in jeep 4×4. Questo deserto è chiamato anche “Valle della Luna” per i suoi paesaggi incontaminati, le formazioni rocciose e i canyon. Da non perdere il momento del tramonto e la cena in campo tendato.

I Balcani per vivere i festival musicali emergenti

I Paesi della ex Yugoslavia si stanno affermando come meta prediletta dai giovani per via dei prezzi contenuti e dell’offerta turistica sempre più ricca.

Nel 2019 ci sarà fermento per alcuni festival musicali emergenti: «Da non perdere Ultra Europe in Croazia (Spalato, 12-14 luglio) per la musica elettronica – consiglia Eleonora Sasso –. E poi EXIT festival in Serbia, a Novi Sad (4-7 luglio), città che è stata inserita fra le destinazioni dell’anno Lonely Planet. E anche Sea Dance a Budva (agosto, date da definire), occasione per scoprire il mare del Montenegro».

Dopo i festival, per esplorare i Balcani, CartOrange suggerisce anche un soggiorno presso il Faro Porer, unica costruzione sull’omonima isola croata, una romantica e indimenticabile esperienza.

In Finlandia con i bambini, tra mille eventi dedicati a loro e un Natale magico

Viaggiare con i bambini vuol dire pensare costantemente a come interessarli e intrattenerli, e i Paesi del Nord Europa sono pieni di proposte ed eventi dedicati proprio ai più piccoli.

«La Finlandia ha un’offerta ricchissima– spiega Eleonora Sasso –. Da meno di due anni a Tampere è aperto il museo dei Mumin, i personaggi creati da Tove Jansson, ed è pieno di attrazioni interattive. Da non perdere nel 2019 anche il Carnevale di Lahti, il festival di teatro per bambini a Kouvola e Hippalot, festival di arte che coinvolge grandi e piccoli a Hämenlinna».

Per non parlare dell’atmosfera incantata della Lapponia a Natale. I genitori al seguito potranno vivere esperienze come pernottare in un igloo di vetro per poter osservare il sole di mezzanotte; passeggiare in una città di legno; una corsa in slitta trainata da renne, adatta anche ai bambini più piccoli oppure un’escursione in un bosco per raccogliere frutti di bosco ed essere così a contatto con la natura come i finlandesi.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Arriva a Milano la più grande mostra museo dedicata a Nikola Tesla

Nikola Tesla Exhibition è la più grande mostra museo interattiva dedicata allo scienziato che si …

Lascia un commento

Oppure