Home / Stile di vita universitario / Giacomo Bruno, il papà degli e-books: “Se volete diventare scrittori dovete diventare dei maghi del marketing online.”
Giacomo Bruno, il papà degli e-books: “Se volete diventare scrittori dovete diventare dei maghi del marketing online.”
Giacomo Bruno non è soltanto un editore. Viene definito il “Papà degli e-books”, perché è stato tra i primi a portarli in Italia

Giacomo Bruno, il papà degli e-books: “Se volete diventare scrittori dovete diventare dei maghi del marketing online.”

Giacomo Bruno non è soltanto un editore. Viene definito il “Papà degli e-books”, perché è stato tra i primi a portarli in Italia. Ma anche perché nel campo della manualistica è l’assoluto leader dell’online. Basta andare su Amazon e guardare la posizione dei suoi libri su Amazon: tutti Best Seller. Tutti, davvero! Comprenderete quindi che ci sia venuta la curiosità di conoscerlo e di fargli qualche domanda, per avere consigli e riflessioni sull’editoria, sull’editoria online e sulle prospettive in questo settore affascinante e difficile

1) Cosa potrebbe consigliare ad un giovane universitario che vorrebbe provare a fare lo scrittore e magari trasformare la sua attività in un vero lavoro?

Quando un ragazzo sceglie un percorso universitario è perché mira ad una professione specifica. L’architetto, il dottore, l’ingegnere, il commercialista e così via. Quello che non sa è che oggi non basta più avere una laurea per avere successo. Il professionista deve fare i conti con il marketing: si deve posizionare sul mercato, costruirsi un brand, mostrarsi come unico nel suo settore e differente da tutti gli altri. In questo contesto il libro diventa il biglietto da visita primario: ti rende più autorevole, dimostra la tua esperienza in una specifica nicchia o su uno specifico argomento, ti rende più prezioso sul mercato. Diventare scrittori non è più un optional, ma una necessità per entrare sul mercato.

2) La Bruno Editore svolge diversi corsi, dalla Lettura Veloce a vere e proprie “accademie” per entrare nel mondo della scrittura professionale. A suo avviso quale potrebbe essere il percorso formativo più adatto per il nostro pubblico?

Leggere e scrivere vanno di pari passo. Non parlo di romanzi, storie e poesie. Parlo di manuali di formazione. Libri che possano accrescere le tue competenze personali e professionali. Più libri leggi, più sarai bravo nella tua professione. E vale anche per la scrittura: scrivere un libro ti permette di raccogliere le idee su quello che veramente sai fare, è un lavoro interiore che poi diventerà il tuo focus nella vita. Oggi in Italia esistono tante “scuole per scrittori” ma, a parte l’Accademia Bruno Editore (http://www.brunoeditore.it), nessuna è focalizzata sui manuali di formazione. E abbiamo visto che sono solo questi i libri che possono cambiare la vita professionale di uno studente universitario.

3) Quello che più ci è piaciuto nelle vostre proposte formative è che non vi limitate a formare lo “scrittore” per scrivere bene ed organizzare adeguatamente il libro, ma puntate molto sul marketing, sul digitale, su saper usare i social o sul saper parlare in pubblico. A suo avviso oltre alla formazione, su cosa si dovrebbe concentrare il futuro scrittore per preparare la sua carriera?

C’è da prendere atto che internet e i social hanno rivoluzionato il mondo dell’editoria. I lettori ormai trascorrono decine di ore a settimana su Facebook, Instagram e blog vari, leggendo articoli e news sul proprio cellulare. Di contro in media leggono 1 libro all’anno. L’unico settore fortemente in crescita è quello dei libri di formazione: le persone sentono sempre di più l’esigenza di crescere e acquisire nuove competenze. E non le cercano in libreria, ma online. Cercano gli Autori più esperti, i loro articoli, i loro profili e i loro libri. Gli scrittori devono adattarsi velocemente a questa nuova realtà, altrimenti saranno invisibili.

4) I vostri libri sono tutto “Best Seller” su Amazon, segno che evidentemente conoscete bene il mercato. Quali sono i libri che “tirano” di più oggi? E secondo lei quali sono quelli che saranno le tendenze di domani?

Conosciamo il mercato e abbiamo costruito numeri e autorevolezza. Online abbiamo oltre 1.000.000 di follower e quando pubblichiamo un libro viene subito scaricato da migliaia di persone. Ci sono voluti 16 anni per costruire questi numeri ma la credibilità è data soprattutto dalla qualità dei nostri libri. Sono molto amati per la semplicità e lo stile comunicativo. E quando esce una novità c’è la corsa al download. I più scaricati sono quelli che riguardano l’area personale (comunicazione, persuasione, relazioni…) e l’ambito professionale (coaching, marketing, social media).

5) Quali sono i prossimi appuntamenti formativi della Bruno Editore?

Il prossimo grande appuntamento è per il 22/24 Marzo 2019 con la 4° edizione di Numero1 (www.numero1.me), il nostro evento per diventare Autore Bestseller, che vedrà la presenza di centinaia di partecipanti e molteplici ospiti nazionali di alto livello. Con questi corsi il nostro obiettivo è quello di raggiungere 10.000.000 di italiani. In un’Italia che legge poco, è un obiettivo molto ambizioso. Ma se ogni anno formiamo almeno 1.000 nuovi Autori Bestseller e ognuno raggiunge una media di 2.000 download con il proprio libro, possiamo arrivare al traguardo in 5 anni.

 

Per informazioni sull’Accademia Bruno Editore: http://www.brunoeditore.it/

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Focus Pico propone alle scuole materne un progetto di sand painting

Focus Pico propone alle scuole materne un progetto di sand painting

Focus Pico ha presentato “L’ABC dei Sabbiarelli”, progetto di licensing che stimola la creatività dei più …

Lascia un commento

Oppure