Home / Stile di vita universitario / Badi, l’app che facilita la ricerca di una stanza o di un coinquilino grazie all’intelligenza artificiale
Badi

Badi, l’app che facilita la ricerca di una stanza o di un coinquilino grazie all’intelligenza artificiale

Diventata leader in Spagna in appena due anni, con più di 6 milioni di richieste di affitto e con un numero di match 28 volte maggiore a quello di Tinder, Badi arriva in Italia per rivoluzionare il mercato immobiliare

Badi, la prima app di affitti di stanze non turistiche in appartamenti condivisi, sbarca in Italia per rendere la ricerca del coinquilino ideale più semplice, sicura e gratuita.

Badi rivoluziona il modo in cui le persone cercano con chi condividere casa: permette di pubblicare o cercare stanze disponibili in appartamenti condivisi e di trovare coinquilini secondo l’età, i gusti e gli interessi connettendo le persone senza intermediari né commissioni.

“L’idea è nata due anni fa: stavo cercando una stanza in affitto a Barcellona e nonostante le varie ricerche non ero riuscito a trovare nulla. Ho deciso quindi di creare un’app per mettere in contatto le persone e dedicata solo agli affitti di stanze. Così è nata Badi” afferma Carlos Pierre, fondatore e CEO di Badi.

“Solo in Italia ci sono più di 8 milioni e mezzo di case e appartamenti sottoutilizzati che se venissero resi disponibili, anche solo in parte, permetterebbero a più persone di vivere più vicino al centro delle città. In due anni, abbiamo ricevuto 4,3 milioni di Euro di investimenti e solo in Spagna abbiamo raggiunto la cifra di 6 milioni di richieste di affitto annue, diventando cosi leader nel Paese in soli 12 mesi. Vogliamo diventare leader a livello europeo nel mercato degli affitti non turistici entro il 2020”.

Badi è l’unica piattaforma di settore che utilizza l’intelligenza artificiale per mettere in contatto chi cerca una stanza e chi cerca un coinquilino. Il suo team di data scientist ha messo a punto uno Smart Recommendation System che unisce le informazioni – non sensibili – contenute nei profili social degli iscritti ad altre acquisite grazie al machine learning. Ogni volta che un iscritto accetta o rifiuta un possibile match, il sistema è in grado di recepire ed elaborare ulteriori preferenze e affinare la ricerca. Il motore di raccomandazione di Badi è talmente accurato che il numero di match tra potenziali coinquilini è 28 volte maggiore rispetto a Tinder. Ciò consente a chi cerca una stanza o un coinquilino di trovare in poco tempo delle persone realmente affini che altrimenti non avrebbe individuato.

Una volta effettuato il match le due persone possono parlare attraverso la chat dell’app, organizzare le visite, effettuare un pagamento sicuro attraverso la piattaforma e concludere la loro ricerca più rapidamente.

“Da tempo avevamo intenzione di lanciare la nostra soluzione anche in Italia  con l’obiettivo di sviluppare il mercato delle stanze in affitto, semplificare il processo di ricerca e convincere chi ha delle stanze vuote ad aprirle al mercato” afferma Marco Maselli, Country Manager Italia di Badi. “Abbiamo obiettivi ambiziosi per il primo anno: 2 milioni di richieste di affitto totali e 8.000 richieste al giorno postate su Badi. L’intenzione è quella di raggiungere i numeri registrati in Spagna in due anni”.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Qui c'è campo, la cultura degli orti a Cernobbio

Qui c’è campo, la cultura degli orti a Cernobbio

Qui c’è campo nasce con l’obiettivo di stimolare la nascita e lo sviluppo di nuove …

Lascia un commento

Oppure