Home / Università / Master RIDEF 2.0 Reinventare l’energia: borse di studio e agevolazoni
Master RIDEF 2.0

Master RIDEF 2.0 Reinventare l’energia: borse di studio e agevolazoni

Il Master Universitario di II livello RIDEF 2.0, erogato da Politecnico di Milano e Università degli Studi di Milano, nasce nel 2003 sulla base dell’intuizione dei notevoli cambiamenti che si profilavano nel sistema energetico nazionale e globale.

A partire da quell’anno ha collezionato 12 anni di successi e la formazione di professionalità qualificate inserite nelle realtà pubbliche e private che stanno gestito le radicali trasformazioni del panorama energetico del Paese.

Sono oltre cento i docenti provenienti dal mondo accademico, industriale e pubblico che partecipano attivamente alle attività didattiche, e oltre 300 i diplomati RIDEF, (provenienti da percorsi di ingegneria, architettura, economia, fisica, scienze ambientali, giurisprudenza e scienze politiche) che, una volta conseguito il Master, hanno dato il loro contributo nel panorama energetico di questi anni, con un tasso di collocazione lavorativa immediata molto elevato (superiore all’90%), grazie anche agli stage di alto livello che il RIDEF ha saputo offrire.

Le iscrizioni al bando della XIII edizione del Master resteranno aperte fino al 17 febbraio 2017, mentre i colloqui si svolgeranno il 20 e 21 febbraio.

Per questa nuova edizione del Master sono a disposizione degli studenti oltre 80.000 € sotto forma di agevolazioni alla frequenza (riduzioni parziali o totali alla quota di iscrizione) – rese possibili dagli sponsor Eurizon Capital, Fondazione AEM, Rookwool, RetiPiù e Comieco – e borse di studio a copertura totale offerte da INPS a favore dei figli e orfani di dipendenti o pensionati delle Pubbliche Amministrazioni.

La didattica avrà inizio nel mese di marzo e anche quest’anno sarà strutturata sia in ore di didattica frontale sia in attività di laboratorio, esercitazioni e lavori di gruppo, vero motore del corso e strumento privilegiato per permettere agli studenti di mettersi in gioco e simulare momenti fondamentali della attività lavorativa.

L’articolazione didattica prevede due parti comuni a tutti gli iscritti dedicate a Contesto, tecnologie, mercati e policy e Pianificazione energetica territoriale e gestione dei centri urbani; e due percorsi paralleli a scelta: Generazione sostenibile di energia, reti e mercati e Edifici ad alte prestazioni e a energia quasi a zero; oltre a due ulteriori moduli, sempre a scelta, dedicati ai temi di Management dei servizi di pubblica utilità ed Efficienza energetica nell’industria.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Il Covid-19 diventa spunto di apprendimento per gli studenti di Teoria dei Sistemi

Gli studenti di Ingegneria Gestionale della LIUC, corso di Teoria dei Sistemi,  si avvicinano allo …

Lascia un commento

Oppure