Home / Università / Ca’ Foscari, iscriversi agli esami con un tweet
Ca’ #oscari

Ca’ Foscari, iscriversi agli esami con un tweet

L’app  Ca’ #oscari, realizzata dall’Ateneo in collaborazione con Ennova Research, è accessibile attraverso un account twitter e consente di formulare la propria richiesta di servizi e ricevere risposta in pochi minuti

Iscriversi o cancellarsi agli esami, accedere al libretto on line, visualizzare il calendario delle prove, restare in contatto con i docenti, compilare il questionario di valutazione di fine corso: con un tweet gli studenti di Ca’ Foscari possono formulare la propria richiesta di servizi e ricevere in pochi minuti la risposta ed effettuare l’operazione che loro interessa. La novità sta tutta in una app, Ca’ #oscari, scaricabile dagli store Google Play e App Store e accessibile attraverso il proprio account twitter.

Il servizio, completamente gratuito, è stato realizzato in collaborazione con Ennova Research ed è il primo esempio in Italia di sistema aperto di Conversational Commerce per gestire servizi interattivi e transattivi utilizzando i più diffusi strumenti di comunicazione social.

Dal proprio telefono cellulare e in qualsiasi momento gli studenti di Ca’ Foscari accedono ai servizi fondamentali della propria carriera universitaria: uno strumento in più per interagire in maniera semplice e immediata con Ca’ Foscari e restare aggiornati e connessi con tutte le ultime informazioni e novità che li riguardano.

Accedere all’app Ca’ #oscari è molto semplice:

Gli studenti scaricano l’app dagli store Google Play (Android) e App Store (iOS), eseguono il login con il loro account twitter e accedono Ca’ Foscari app; inseriscono il loro numero di matricola per verificare la propria autenticità di studenti Ca’ Foscari e utilizzare i servizi.

La risposta ai servizi richiesti può essere composta da immagini, web, QR Code.

Michele Bugliesi, Rettore dell’Università Ca’ Foscari Venezia: «Le connessioni al nostro sito web oggi avvengono per oltre il 60% da dispositivi mobili e i social network sono lo strumento utilizzato più di frequente per restare in contatto con l’università – afferma il Rettore – gli studenti preferiscono usare gli strumenti di messaging in mobilità, poiché sono abituati a notifiche immediate e ad un’interazione veloce e semplice e l’app Ca #oscari risponde a questa esigenza. Per promuovere lo sviluppo tecnologico e la creatività abbiamo raccolto tutte le app finora realizzate dalla comunità cafoscarina,  e pubblicato on line il catalogo dei nostri Open Data che si potrà arricchire con nuove richieste; lanceremo a breve un contest rivolto agli studenti per ideare nuovi servizi utili per l’interazione e comunicazione con l’Ateneo. le idee più interessanti saranno realizzate e rese disponibili sul sito di Ateneo».

Raffaele Andreace, Presidente di Ennova Research e Co-Founder di SlHash: «L’App Ca’ Foscari  è stata sviluppata con la nostra piattaforma SlHash, il primo sistema aperto di Conversational Commerce, che permette di creare e gestire servizi interattivi e transattivi utilizzando i più diffusi strumenti di comunicazione social, come Twitter, ovvero Telegram, WeChat, di cui Cà #oscari costistuisce un brillante caso di scuola. Questa collaborazione con Ca’ Foscari è stata un’importante opportunità per poter sperimentare la piattaforma nel settore Educational. Siamo inseriti in un programma di sviluppo in Silicon Valley che ci vedrà impegnati nei prossimi mesi a estendere e consolidare SlHash a livello internazionale. SlHash è adatta per imprese produttrici e commerciali, scuole, università, cinema, teatri, e qualsiasi attività che desideri estendere i propri servizi informativi e di vendita nel mondo digitale, ad esempio da fine mese sarà attivo il servizio di SlHash per i ristoratori che permetterà la prenotazione del tavolo, ordinare e pagare un pasto take away etc».

Potrebbe interessarti

Guarda anche

La LIUC mantiene una posizione di rilievo secondo la classifica Censis

La LIUC conferma una posizione di rilievo secondo la classifica Censis delle Università italiane (edizione …

Lascia un commento

Oppure