Home / Stile di vita universitario / Regifting online, una tendenza che si consolida
Regifting_online

Regifting online, una tendenza che si consolida

 

Evidentemente non siamo molto bravi a fare regali, visto che si consolida anche per questo post-Natale la tendenza al regifting online. Detto in altre parole, vendiamo i doni che non ci piacciono

Oltre 2,8 milioni di italiani sono pronti a vendere i regali di Natale che non rientrano nei loro gusti. Su eBay.it i doni sgraditi acquistano una seconda vita, complici smartphone e tablet.

La tendenza che vede il regifting online ormai una consuetudine (ma non sappiamo proprio indovinare i regali giusti?) è stata confermata dai i risultati della ricerca TNS commissionata da eBay, da cui emerge che quasi un italiano su due (il 48%) dichiara di aver ricevuto almeno un regalo non esattamente desiderato. Sottolineamo almeno uno.

Cosa fare quindi con i classici doppioni, i gadget tecnologici che non useremo mai o gli accessori che non incontrano i nostri gusti?

Se il 47% delle persone intervistate tiene il regalo (il maglione con la renna potrebbe comunque fare colpo, come Bridget Jones insegna), sono oltre 2,8 milioni gli italiani che stanno già pensando a come rivendere online i doni indesiderati. Un’attitudine che vede più inclini gli uomini con un +33% rispetto alle donne.

Regifting online: differenze regionali

Gli italiani si danno tutti al regifting online? No, sempre secondo la ricerca. I liguri e i piemontesi (rispettivamente il 100% e il 57% in più rispetto alla media nazionale) hanno fatto loro questa nuova tendenza e sono già pronti per fare nuovi affari. Atteggiamento contrario invece, per siciliani, pugliesi e toscani che hanno maggiori riserve e preferiscono tenersi comunque il dono.

Dopo aver venduto questi prodotti, come si investe il guadagno? Rimane forte e in continua crescita l’attenzione verso il risparmio, con il 57% degli intervistati che dichiara di voler fare economia (+12% rispetto al 2014), ma raddoppia rispetto all’anno precedente il numero di persone che decide di utilizzare il ricavato per acquistare un regalo per qualcun altro.

“La tendenza della vendita dei regali post natalizi è entrata nelle abitudini degli Italiani ed è un sinonimo di opportunità per tutti, sia per gli acquirenti che per i venditori“, commenta la resposabbile comunicazione di eBay in Italia, Iryna Pavlova. “Questo momento dell’anno è davvero speciale. Sia che si tratti dell’immancabile doppione o di un prodotto che, seppur best-seller di stagione, non è stato apprezzato, tutti gli oggetti possono avere una seconda vita e gli acquirenti possono trovare migliaia di nuovi articoli proposti con sconti interessanti rispetto al valore originario. Per ogni regalo c’è una persona che avrebbe voluto riceverlo e il nostro marketplace permette alle persone di incontrarsi”.

Meglio quindi non essere impreparati e sapere già in anticipo come trasformare gli imprevisti in nuove opportunità. Fino all’8 gennaio, eBay propone una promozione dedicata a tutti i venditori privati con tariffe gratuite per 5 inserzioni e un massimo di un euro di commissioni sul valore finale di vendita.

Inoltre, quest’anno non c’è bisogno di preoccuparsi delle spedizioni. Con il nuovo Gestore delle Spedizioni si potranno gestire agevolmente tutti i ritiri e le consegne da un’unica piattaforma e approfittare delle tariffe di spedizione speciali di corrieri selezionati, con un risparmio fino al 40%.

Via libera quindi alla vendita online dei regali di Natale non apprezzati, agevolata dall’esplosione dell’utilizzo dei dispositivi mobili.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Qui c'è campo, la cultura degli orti a Cernobbio

Qui c’è campo, la cultura degli orti a Cernobbio

Qui c’è campo nasce con l’obiettivo di stimolare la nascita e lo sviluppo di nuove …

Lascia un commento

Oppure