Home / Stile di vita universitario / Natale 2015: il Prosecco batte lo Champagne nei brindisi degli italiani
brindisi-natale-prosecco

Natale 2015: il Prosecco batte lo Champagne nei brindisi degli italiani

Il Prosecco si attesta al primo posto tra le bollicine più acquistate su Tannico.it, seguono Champagne e Franciacorta

Il Prosecco batte lo Champagne nei brindisi degli italiani per il Natale 2015. Lo spumante italiano famoso in tutto il mondo si posiziona al primo posto con il 35% delle bollicine vendute su Tannico.it, la più grande enoteca online in Italia, seguito dallo Champagne con il 32%. Si attesta al terzo posto il Franciacorta con il 24%, seguito dal Trento DOC con il 4,4%.

Questi sono i dati provenienti dall’analisi sui consumi di vino durante le feste natalizie 2015 condotta da Tannico.it sulla base degli acquisti effettuati sul sito dagli oltre 20.000 clienti in tutta Italia tra novembre e dicembre 2015.

Nella top 5 delle bollicine italiane più vendute il Prosecco Superiore DOCG – Andreola si scopre il più apprezzato. Medaglia d’argento per il Franciacorta DOCG – BELLAVISTA, seguito dal Prosecco DOC – V8+. Quarta e quinta posizione per Trento DOC – FERRARI e Franciacorta DOCG – BERLUCCHI.

Il consumatore di bollicine su Tannico.it ha acquistato in media 5 bottiglie per una spesa di 103 euro.
Analizzando invece i consumi nelle città italiane registrati in questi ultimi due mesi, Vicenza risulta essere la città che maggiormente apprezza le bollicine: registra un più 40% dei consumi rispetto alla media; Modena si attesta al secondo posto (+31%) e Lecco al terzo (+27%). Mentre tra le città che ne consumano meno troviamo a sorpresa Trento (meno 60% della media), patria del Ferrari, Brescia (-40%) patria del Franciacorta, e Palermo (-32%) più tradizionalmente legata ai vini fermi.

Analizzando la totalità degli acquisti su Tannico.it, il vino rosso rimane il protagonista di pranzi e cene nel periodo delle feste, con percentuali pari al 50% delle bottiglie vendute. Le bollicine si attestano al secondo posto con una quota pari al 22% degli acquisti, mentre il vino bianco, tradizionalmente protagonista della cena della Vigilia a base di pesce, conquista il terzo posto con una quota del 20%.

Il consumo di bollicine nel 2015

“Abbiamo venduto 38.000 litri di bollicine in tutto il 2015. Se impilassimo tutte le bottiglie vendute in questo periodo pre natalizio arriveremmo alla stratosfera.” racconta Marco Magnocavallo, fondatore di Tannico.it. “Dallo Champagne al Prosecco abbiamo raccolto i migliori spumanti italiani e stranieri andando a comporre uno dei cataloghi di bollicine più completi disponibili online e offline. La risposta dei nostri clienti è stata al di sopra delle aspettative: il nostro miglior cliente in un anno ha acquistato bottiglie per un ammontare pari a 17.500 euro.”

I periodi di picco delle vendite di questa tipologia di vino si verificano durante le principali feste dell’anno come la Pasqua e il Natale.
Analizzando invece i consumi annui regione per regione, emerge che la regione del Nord Italia in cui si consumano più bollicine è la Valle D’Aosta (33,70%) seguita da Emilia-Romagna (28,74%) e Veneto (26,27%). Primeggiano nel Centro Italia le Marche con il 30,58%, seguite da Umbria (28,46%) e Abruzzo (25,82%). Mentre nella top 3 delle regioni del Sud Italia che hanno acquistato più bollicine nel 2015 troviamo Basilicata (29,51%) Puglia (24,36%) e Calabria (23,87%).

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Kippy EVO è il primo pet smartphone al mondo

Kippy EVO è dotato di localizzazione GPS in tempo reale, activity monitoring e ricezione di …

Lascia un commento

Oppure