Home / Università / Insubria: cinque borse di studio per studenti magistrali in Informatica

Insubria: cinque borse di studio per studenti magistrali in Informatica

Sono cinque le borse di studio messe a bando dall’Ateneo su fondi 7Pixel, azienda informatica leader dello shopping online

Nel segno della fruttuosa collaborazione tra Ateneo e Aziende ritorna il Concorso in memoria del professor Gaetano Aurelio Lanzarone per il conferimento di cinque borse di studio da attribuire a studenti meritevoli iscritti al Corso di Laurea Magistrale in Informatica dell’Università degli Studi dell’Insubria.

Le borse di studio sono bandite dall’Ateneo sui fondi 7Pixel e hanno un valore di 1.500 euro ciascuna. Possono partecipare alla selezione gli studenti del secondo anno della Laurea Magistrale in Informatica dell’Università dell’Insubria, la cui carriera accademica risponda ai requisiti di merito richiesti dal bando e che abbiano realizzato un progetto su temi di interesse dell’azienda 7Pixel, da svolgere in autonomia, con la supervisione del referente del progetto, professor Ignazio Gallo.

Il bando di concorso dal 2013 è il frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Scienze Teoriche ed Applicate dell’Università dell’Insubria e il Gruppo 7Pixel, leader in Italia nel settore della comparazione dei prezzi e dello shopping online, nato nel 2002 unendo conoscenze tecnologiche, informatiche e di marketing.

«Continua la collaborazione proficua con il territorio, così come sempre sostenuto dal professor Lanzarone – direttore del Dipartimento di Informatica e Comunicazione dell’Università degli Studi dell’Insubria, prematuramente scomparso nel  2011 – in particolare con 7Pixel, azienda che si dimostra, ormai da anni, attenta e interessata ai nostri migliori studenti» – sottolinea la professoressa Elena Ferrari, Presidente dei Corsi di Laurea Triennale e Magistrale in Informatica.

Per tutti i dettagli sul bando e sulla domanda di partecipazione cliccare qui.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

IBM e CRUI firmano un accordo per sostenere la trasformazione digitale

Le università italiane avranno accesso al cloud pubblico IBM e alle tecnologie AI per sviluppare …

Lascia un commento

Oppure