Università degli Studi di Milano: Master in Comunicazione Pubblica e no profit

L’Università degli Studi di Milano lancia il primo master dedicato alla classe dirigente pubblica del futuro e al terzo settore: fino al 2 febbraio è possibile iscriversi al MADEC – Master in Comunicazione e Diritto per il settore istituzionale, politico e non profit

Anche in Italia il settore pubblico e non profit sta velocemente trasformandosi: con la maggiore specializzazione sta aumentando la richiesta di professionisti preparati e dinamici, che conoscano strutture e funzionamento dei diversi tipi di istituzione e che siano in grado di operare nella costruzione e gestione strategica di processi di comunicazione complessi.

Per questo l’Università degli Studi di Milano propone il nuovo Master in Comunicazione e Diritto per il settore istituzionale, politico e non profit MADEC, alla sua I edizione. Un’iniziativa di alta formazione, a numero chiuso, rivolta a neolaureati con una particolare sensibilità per la dimensione civica e del non profit. Madec forma, infatti, professionisti e manager della comunicazione istituzionale 
e delle ONG in ambito nazionale e comunitario, sviluppa competenze per il futuro management di istituzioni, PA e organizzazioni sociali, fornisce strumenti avanzati di conoscenza e comprensione del quadro normativo dei diversi settori di riferimento.

Il Master potrà contare su stage garantiti per un accesso diretto al mondo del lavoro grazie a partnership con enti e organizzazioni di primaria importanza – come Fondazione San Patrignano, FOCSIV, Fondazione Lang, Fondazione Cariplo, American Chamber of Commerce in Italy, Unicom e molti altri.

“La Comunicazione Pubblica nel nostro Paese avrà presto bisogno di una nuova generazione di professionisti che abbiano una conoscenza avanzata non solo delle diverse dinamiche comunicative globali, ma anche dei loro riflessi socio-giuridici, delle leggi esistenti e in via di sviluppo e del loro impatto sulla pubblicazione di informazioni, proprietà, servizi e tecnologia. Solo così potremo essere competitivi sul piano globale. MADEC è stato pensato proprio in risposta a questa esigenza, guardando al futuro” – spiega Morris L.Ghezzi, Coordinatore del MADEC e ordinario di Sociologia del Diritto presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche C. Beccaria.

Conferendo 60 CFU, che possono essere riconosciuti tutti o in parte in caso di iscrizione alla laurea magistrale, Madec consente di accorciare i tempi per il completamento del percorso universitario. Rilascia infine l’attestato di Comunicatore Pubblico ai sensi della legge 150/2000 (e reg.succ.), utile per la partecipazione a concorsi pubblici.

Il corso, che prenderà il via il 2 marzo 2015, è articolato in 6 moduli: Comunicazione istituzionale e public affairs, Comunicazione sociale e non profit, Marketing politico e strategie per la consulenza politica, Comunicazione per le relazioni internazionali, Cooperazione internazionale, Relazioni pubbliche, Giornalismo e rapporti con i media. Aperto a laureati triennali o superiori di tutte le classi di laurea, vengono accettate con riserva anche domande da laureandi che intendono completare il corso di studi entro il mese di marzo 2015. Il termine per la presentazione della domanda di ammissione è il 2 febbraio 2015 alle ore 13.

Il bando è scaricabile dal portale dell’Ateneo.

Il piano didattico si sviluppa attraverso lezioni frontali, seminari, conferenze, laboratori e workshopcon il 70% di frequenza obbligatoria. Le lezioni si terranno presso la sede dell’Università degli Studi di Milano dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 18 a partire dal 2 marzo 2015 fino al 25 giugno 2015. Seguirà periodo di stage garantito e obbligatorio di minimo 250 ore. Entro il 9 dicembre 2015 avverrà la discussione dell’elaborato finale e il conferimento del diploma di master. Il costo complessivo del Master è di 4.200 euro.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Il nuovo Master in Educazione permanente e scuole aperte all’Università di Udine

Università di Udine presenta nuovo Master di I livello in Educazione permanente e scuole aperte. Trenta …

Lascia un commento

Oppure