Home / Università / Smart drug: incontro con i giovani nell’ambito del progetto “Comunicare la salute”

Smart drug: incontro con i giovani nell’ambito del progetto “Comunicare la salute”

Iniziano gli incontri con medici e psicologi per sensibilizzare i ragazzi tra i 19 e 21 anni

Le “smart drug” saranno il tema di un incontro a tu per tu con i giovani, organizzato nell’ambito del progetto dell’ateneo friulano, del Comune di Udine e dell’Azienda per i servizi sanitari n.2 Isontina “Comunicare la salute. Percorsi di consapevolezza nel sistema territoriale per la salute”.

Aperto a tutti gli interessati, l’incontro si terrà giovedì 18 dicembre alle 16 nella sala del consiglio del palazzo Garzolini – di Toppo Wassermann in via Gemona 92 a Udine. L’appuntamento apre il ciclo di incontri aperti ai giovani e dedicati ai temi centrali del progetto, il cui obiettivo è promuovere la salute, il benessere psico-fisico e le life skills tra i giovani fra i 19 e 21 anni, mediante azioni di comunicazione sociale via web e incontri tematici con giovani medici.

Coordinerà Carmelo Macauda, responsabile del Ceformed. Roberta Sabbion, responsabile Sert di Pordenone, si confronterà con il pubblico sul tema “Un’ora di pensieri profondi e leggeri sul fenomeno delle smart drugs”. All’iniziativa, organizzata in forma di dibattito P2P, parteciperanno anche alcuni giovani medici in formazione Ceformed (Irene De Santa, Stefano Celotto, Kizito Misehe) e gli psicologi Valeria Franco e Aurelio Oddo. Interverrà l’assessore alla Salute del comune di Udine, Simona Liguori, promotrice del progetto.

Per l’Università di Udine saranno presenti Raffaella Bombi, referente scientifico per l’ateneo del progetto; Vincenzo Orioles, promotore per il Dipartimento di studi umanistici; Manuela Croatto, capo Area Servizi agli studenti e il delegato agli Studenti, Daniele Fedeli. Un Aperincontro offerto ai partecipanti concluderà i lavori e sarà l’occasione per uno scambio di opinioni e per rafforzare la creazione di una community, per ora attiva in maniera virtuale su Facebook e nei video clip diffusi sui monitor di dell’ateneo.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Il primo microcomputer wireless per il monitoraggio cardiaco

E’ stato impiantato il primo microcomputer wireless con intelligenza artificiale nel cuore di un paziente …

Lascia un commento

Oppure