Fondo di Finanziamento Ordinario: 69,8 milioni di euro per Ca’ Foscari

Ottimi anche i risultati della quota premiale basata sui risultati della ricerca, internazionalizzazione della didattica, politiche di reclutamento. Al 2° posto in Italia nel rapporto tra quota base e quota premiale

Ca’ Foscari cresce ancora, nuovo balzo in avanti nell’assegnazione del Fondo di Finanziamento Ordinario (FFO), l’ateneo è al sesto posto a livello nazionale per la percentuale di incremento sul 2013, al primo posto nella propria regione.

La quota del 2014, pubblicata dal MIUR, è di 69 milioni di euro, vale a dire 4 milioni di euro in più rispetto a quella ricevuta nel 2013, registrando così un incremento del 7,14%.

Nel 2013 l’assegnazione FFO a Ca’ Foscari era stata di 65,2 milioni di euro, il riparto 2014 assegna all’ateneo veneziano 69,8 milioni di euro.

Ottimi anche i risultati della quota premiale, la percentuale che il MIUR assegna alle università sulla base dei risultati riscossi in ricerca, politiche di reclutamento, internazionalizzazione della didattica: Ca’ Foscari si colloca al secondo posto a livello nazionale per incidenza della quota premiale rispetto all’FFO assegnato: a Ca’ Foscari assegnati 17 milioni di euro su un totale di 69 milioni di euro FFO. Il peso della quota premiale incide dunque del 24,52%

Molto buono, inoltre, il dato sul costo standard per ciascun studente che colloca Ca’ Foscari ai migliori livelli sul piano nazionale per quanto riguarda il rapporto fra i seguenti indicatori: costi docenza, didattica integrativa, infrastrutture,servizi didattici.

Il Rettore dell’Università Ca’ Foscari Venezia Michele Bugliesi: «Davvero un ottimo risultato per Ca’ Foscari, ancora un avanzamento che premia il lavoro svolto dal nostro ateneo per migliorare l’efficienza e la performance – spiega il Rettore – Ca’ Foscari si riconferma nuovamente una università pubblica virtuosa, con i conti in ordine e un’amministrazione efficiente, nonostante la difficile congiuntura economica generale e i tagli ai finanziamenti ministeriali. Molto buona anche l’assegnazione della quota premiale che riconosce gli ottimi risultati sulla qualità della ricerca, l’internazionalizzazione della didattica e le politiche di reclutamento su cui l’ateneo continua a investire considerandoli scelte strategiche per essere un ateneo di eccellenza e competitivo. Molto buoni sono anche i risultati degli altri atenei del Veneto, un ottimo segnale per le università della nostra regione che si dimostrano efficienti e di qualità».

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Dal platino al palladio, test per lo sviluppo di chemioterapici meno tossici

Dal platino al palladio, test per lo sviluppo di chemioterapici meno tossici

Pubblicati su Chemical Communications gli esiti di primi esperimenti con un nuovo composto a base …

Lascia un commento

Oppure