Home / Università / L’Università di Milano-Bicocca aderisce al Consorzio AlmaLaurea
Maxi-raduno Alma Mater

L’Università di Milano-Bicocca aderisce al Consorzio AlmaLaurea

Con oltre 32 mila iscritti e 5 mila laureati all’anno l’Ateneo milanese fa salire a 65 il numero delle università italiane che fanno già parte del Consorzio

L’Università di Milano-Bicocca entra a far parte del Consorzio Alma Laurea, il consorzio interuniversitario che realizza la banca dati online dei laureati e le indagini sull’occupazione dei laureati. L’adesione dell’Università di Milano-Bicocca fa salire a 65 il numero degli atenei che fanno parte del Consorzio e porta a 230 mila il numero dei laureati che annualmente fanno il loro ingresso nella banca dati AlmaLaurea per un totale di quasi 2 milioni di curricula archiviati.

«Abbiamo deciso – dice il rettore Cristina Messa – di entrare in un sistema rappresentativo a livello nazionale della situazione dei laureati per conoscere lo stato dell’arte dell’attività formativa e la condizione occupazionale dei laureati del nostro Ateneo, anche in rapporto al contesto universitario italiano».

L’Università di Milano-Bicocca è stata fondata nel 1998. Fin dall’inizio ha fatto della ricerca il fondamento strategico della propria attività e missione. È un ateneo multidisciplinare che forma professionisti in diversi campi: economico-giuridico, scientifico-tecnologico, medico, socio-statistico, psicologico e pedagogico. L’offerta didattica è articolata in 66 corsi di studio, 1 Scuola di dottorato e 37 Scuole di Specializzazione. La ricerca si svolge in 16 Dipartimenti, 2 Centri di Eccellenza e 39 Centri di Ricerca. I laureati sono oltre 5 mila all’anno, 32 mila gli iscritti totali, il 5.6 per cento dei quali è straniero. Nel ranking Times Higher Education 2014 dedicato alle cento università con meno di 50 anni l’Università di Milano-Bicocca si è classificata al 21° posto nel mondo, prima in Italia.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Riparte Amazon Campus Challenge

Riparte Amazon Campus Challenge

Sono all’incirca 100 gli studenti da tutta Italia che, in team, hanno creato dei progetti …

Lascia un commento

Oppure