Home / Università / Udine-Cina: si intensifica la collaborazione sul fronte della didattica

Udine-Cina: si intensifica la collaborazione sul fronte della didattica

Università di Udine e studenti dalla Cina: si rafforzano scambi e collaborazione. Incontro con la delegazione dell’Ufficio Istruzione dell’Ambasciata cinese in Italia

Una delegazione dell’Ufficio Istruzione dell’Ambasciata cinese in Italia ha incontrato ieri i rappresentanti dell’Università di Udine nella sede del rettorato dell’Ateneo friulano. L’Ufficio dell’Ambasciata cinese si occupa dei lavori di coordinamento e promozione dello scambio studentesco e accademico fra Cina e Italia. In tale contesto, «occupando l’Università di Udine – ha fatto sapere la delegazione – un posto importante nel nord-est dell’Italia», l’obiettivo dell’incontro era quello di conoscere la situazione della collaborazione dell’Ateneo friulano con la Cina e stabilire le possibilità di collaborazione, aiuto e supporto in un rapporto sempre più approfondito di scambio studentesco e accademico con la Cina.

La delegazione era composta dalla consigliera d’Istruzione Zhang Linyi, dal primo segretario Liu Junhua, con l’assistente e interprete Silvano Cheng, ed è stata ricevuta dalle delegate del rettore all’internazionalizzazione e alla didattica, rispettivamente Antonella Riem e Fabiana Fusco, e dal responsabile dell’Area servizi per la didattica dell’Ateneo, Agostino Maio. «La delegazione – riferisce Antonella Riem – dopo essersi complimentata con il lavoro portato avanti in questi anni dal nostro Ateneo, in particolare per l’accoglienza e il tutorato che Udine offre agli studenti cinesi, ha comunicato la sua intenzione di adoperarsi per incrementare le relazioni internazionali fra l’Università di Udine e le quindici Università cinesi presso le quali si insegna l’italiano».

Nel corso della riunione, i rappresentanti dell’Ateneo hanno illustrato i rapporti esistenti con la Cina nel settore della didattica, iniziati nel 2006 grazie alla partecipazione dell’Università di Udine al “Programma Marco Polo”, nato con l’obiettivo di incrementare la presenza di studenti cinesi nelle Università italiane e basato sull’accordo quadro stipulato fra la Repubblica Italiana e la Repubblica popolare cinese, sviluppato poi negli anni dalla Conferenza dei rettori italiani con l’appoggio della Presidenza della Repubblica italiana. In questi anni l’Ateneo di Udine ha proseguito in una costante attività di promozione della didattica nei Paesi indicati dal Governo italiano come strategici per il sistema Paese. Il numero di studenti cinesi iscritti all’università di Udine ha così registrato un costante aumento, fino a 107 studenti iscritti nell’ultimo anno accademico 2012/2013.

 

 

 

Potrebbe interessarti

Guarda anche

A Milano-Bicocca si sceglie il lavoro smart

Un dipendente su cinque dell’Università di Milano-Bicocca sceglie il lavoro agile per quattro giorni al …

Lascia un commento

Oppure