Home / Lavoro per universitari / Venticinque tirocini all’estero per gli studenti dell’Università di Pisa

Venticinque tirocini all’estero per gli studenti dell’Università di Pisa

L’Ateneo ha emanato un bando che permetterà ai ragazzi di svolgere uno stage da tre a nove mesi in uno dei Paesi dell’Unione Europea
Venticinque opportunità di tirocinio all’estero per gli studenti dell’Università di Pisa. Nell’ambito del Programma LLP/Erasmus Consortia Placement – Erasmus Student Mobility for Placement, l’Ateneo pisano ha emanato un bando che permetterà agli studenti universitari di realizzare un periodo di tirocinio formativo o stage professionalizzante presso un Paese dell’Unione Europea.
Le borse finanziate per l’anno accademico in corso sono 25 e sono attribuibili per attività all’estero della durata minima di tre mesi e massima di nove mesi. L’Ateneo finanzierà tre mensilità per studente, per un importo totale di 1.500 €, in modo da dare la possibilità al maggior numero di ragazzi di beneficiare del contributo. Eventuali periodi di stage svolti e non coperti dalla borsa iniziale potranno essere sovvenzionati a fine progetto in caso di finanziamenti residui.
Gli studenti potranno svolgere il loro tirocinio presso aziende, associazioni, fondazioni, laboratori, musei o centri di ricerca in uno dei Paesi appartenenti all’Unione Europea. I tirocini avranno una durata minima di tre mesi e massima di nove mesi continuativi e dovranno concludersi improrogabilmente entro il 30 settembre 2013. Per presentare la domanda c’è tempo fino al 5 dicembre 2012 e il bando è disponibile sul sito www.unipi.it.
Il bando è stato emanato nell’ambito di un “Erasmus Consortia Placement”, un consorzio di 4 atenei di cui è entrata a far parte l’Università di Pisa insieme alle università di Padova, Venezia e Catania, per promuovere insieme i tirocini lavorativi dei propri studenti.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Dan John invia i suoi Ambasciatori di brand in Europa

Il 98% di chi ha partecipato si sente decisamente più legato all’azienda, il 95% dichiara …

Lascia un commento

Oppure