Pistorius è il primo disabile alle Olimpiadi, scatta la polemica

A Londra 2012 il sudafricano gareggerà sui 400 metri e nella staffetta 4X400 nonostante corra con delle protesi speciali
Il comitato olimpico sudafricano che ha deciso di far partecipare a Londra2012 il corridore 25enne, che corre grazie a due protesi in fibra di carbonio al posto delle gambe. Pistorius gareggerà nei 400 metri e nella staffetta 4X400 nonostante non abbia ottenuto il tempo necessario per poter accedere ai Giochi. La federazione sudafricana richiede infatti per andare ai Giochi due prove al di sotto del limite dei 45”30. Lo scorso 29 giugno il quattrocentista ai campionati africani di Porto Novo in Benin aveva vinto la medaglia d’argento in 45”52, al di sopra dunque del limite fissato per il pass individuale alle Olimpiadi. Nel marzo scorso però Pistorius aveva corso i 400 in 45”20, quindi la Federazione ha preso la decisione di farlo partecipare, cosa che scatenerà non poche polemiche.  Dopo le Olimpiadi Pistorius parteciperà anche alle Paralimpiadi nelle gare atletiche dei 100, 200 e 400 metri.
Questo il primo tweet di Pistorius saputa la bella notizia: «Oggi è davvero uno dei giorni più felici della mia vita».«Sarà fantastico – ha poi aggiunto in un comunicato – andrò a Londra 2012 per prendere parte sia alle Olimpiadi che alle Paralimpiadi. Sono orgoglioso di quello che ho fatto. Sarà un onore e sono davvero fiero per tutti i sacrifici che ho fatto in questi anni». 
Oltre a non aver ottenuto il tempo necessario per partecipare, viene contestato a Pistorius l’uso delle protesi, che alcuni ritengono gli garantisca un vantaggio nei confronti dei normodotati nonostante il suo handicap.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

EasyPark: parcheggiare con l'app è il new normal

EasyPark: parcheggiare con l’app è il new normal

Record EasyPark in Italia: sono 500 le città grandi, medie e piccole, da nord a …

Lascia un commento

Oppure