Home / Stile di vita universitario / La morte di Micheal Jackson

La morte di Micheal Jackson

Il medico legale rifiuta la tesi della difesa dell’allora medico di Micheal: non può essere stato il cantante a provocare la sua stessa morte.
A distanza di più di due anni, le circostanze precise sulla morte del grande Micheal Jackson sono ancora avvolte attorno a una nuvola di mistero. Ma, nonostante questo, gli accertamenti del medico legale di Los Angeles, non sono ancora finiti. E proprio questa mattina, Christopher Rogers, medico legale, ha confermato che Micheal è morto a causa di “una grave intossicazione da propofol”, medicinale che la star usava come sonnifero. Il dottor Murray, medico del cantante, ha dichiarato di averglielo somministrato la fatidica mattina della morte.
La difesa di Murray ha continuato a sostenere che la causa del decesso andasse attribuita proprio a Micheal, che avrebbe assunto una dose maggiore del medicinale, senza consultare il medico. Ma, l’idea del medico legale è piuttosto diversa: “Le circostanze non possono dimostrare l’auto-somministrazione”. La tesi della difesa è così rifiutata.
Conclusione: Micheal Jackson non può aver causato la sua stessa morte.
 

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Kippy EVO è il primo pet smartphone al mondo

Kippy EVO è dotato di localizzazione GPS in tempo reale, activity monitoring e ricezione di …

Lascia un commento

Oppure