Home / Università / Ca’ Foscari promotrice della ricerca tra università e imprese
Ca' Foscari promotrice della ricerca tra università e imprese

Ca’ Foscari promotrice della ricerca tra università e imprese

L’Università Ca’ Foscari Venezia promuove un nuovo patto per la ricerca tra università e imprese. I primi due accordi di affiliazione triennale sono già stati siglati da aziende impegnate nelle nanotecnologie e nel packaging di farmaci

Patti chiari anti-burocrazia. L’Università Ca’ Foscari Venezia potenzia la collaborazione con le imprese lanciando un programma di affiliazione unico in Italia: Research and Innovation Corporate Affiliates Programme (RICAP). L’obiettivo è generare nuovi investimenti in ricerca, ispirare innovazione e trasferimento di conoscenza.

Già siglati i primi due accordi di affiliazione. Le prime aziende affiliate sono Brenta srl, start-up innovativa della Holding Fabbrica Italiana Sintetici (FIS) impegnata nella ricerca sulle nanotecnologie e nello sviluppo più generale di piattaforme tecnologiche per applicazioni in ambito farmaceutico e Stevanato Group, società specializzata in prodotti, processi e servizi per l’industria farmaceutica, primo produttore al mondo di tubofiale per insulina destinata al trattamento del diabete.

 

“Ca’ Foscari sta facendo progressi importanti sul fronte del trasferimento tecnologico – dichiara Michele Bugliesi, rettore dell’Università Ca’ Foscari Venezia – ed è un piacere oggi poter dare conto dei primi frutti, con le novità sul Research and Innovation Corporate Affiliates Programme che costruisce un perimetro ampio di collaborazione fra Ateneo e imprese. I primi due accordi siglati con Brenta srl e Stevanato Group sono davvero un buon risultato, che segna l’avvio di un nuovo modo di interpretare il rapporto tra ricerca e impresa”.

 

Sottoscrivendo l’accordo triennale, le imprese e l’ateneo siglano un patto che supera le modalità tradizionali di collaborazione tra accademia e aziende. Il progetto si rivolge alle aziende innovative che decidono di puntare sulla ricerca condividendone il programma con l’università. Grazie a RICAP saranno agevolmente attivabili tutte le possibili forme di partnership per la ricerca, dai laboratori congiunti ad assegni, borse di ricerca e dottorati, anche industriali.

Nella lista dei vantaggi reciproci anche incontri periodici e mirati per far conoscere direttamente i ricercatori e le loro idee a imprenditori e manager. Inoltre, l’università metterà in campo team di talenti esperti in varie discipline per affrontare le sfide proposte dalle aziende e trovare soluzioni innovative.

Nel medio periodo, questo programma, investendo anche sui giovani ricercatori cafoscarini, favorirà il loro ingresso in azienda, creando un’alternativa al tradizionale percorso accademico e costruendo nuovi ponti tra Ca’ Foscari e i suoi affiliati.

Le aziende aderenti potranno beneficiare anche di una serie di servizi dedicati, come ricerche brevettuali, supporto per accedere a finanziamenti, e a benefit riservati ai sostenitori dell’associazione Alumni.

Il programma è gestito dall’ufficio PINK, l’unità di Ca’ Foscari a supporto delle attività di trasferimento di conoscenza e rapporti con le imprese (www.unive.it/pink).

 

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Il primo simposio internazionale sulla motilità cellulare nei sistemi fluidi complessi

Il primo simposio internazionale sulla motilità cellulare nei sistemi fluidi complessi

Il primo simposio internazionale sulla motilità cellulare nei sistemi fluidi complessi si svolgerà a Udine, …

Lascia un commento

Oppure