Home / Senza categoria / Sanremo 2018: intervista a Noemi
Noemi. Foto: Julian Hargraves

Sanremo 2018: intervista a Noemi

Noemi presenta in gara al Festival di Sanremo il brano “Non smettere mai di cercarmi”, contenuto nel nuovo disco “La luna” che arriva a due anni di distanza da “Cuore d’artista”.

“Non smettere mai di cercarmi” è il brano che  Noemi ha presentato in gara al Festival di Sanremo. La canzone fa parte della tracklist del suo nuovo album, “La luna”, che arriva a due anni di distanza da “Cuore d’artista”.

Noemi definisce “Non smettere mai di cercarmi” “Uno slogan da cantare a polmoni aperti, ispirato all’equazione dell’amore del fisico britannico Paul Dirac, il quale affermava che quando due sistemi interagiscono tra loro per un certo periodo di tempo e poi vengono separati, non possiamo più descriverli come due sistemi distinti, ma in qualche modo sottile diventano un unico sistema”.

Noemi: l’intervista

In altre parole, il contenuto di “Non smettere mai di cercarmi”?

Parla dell’annullare la distanza. A volte mi accorgo di avere dei modi di dire presi in prestito dal mio fidanzato, e forse non smettere di cercarlo è anche questo. Ho fatto sentire questo brano a mia zia: mio zio non c’è più e si è emozionata perché le sembrava che la cantasse lui, e questo ha emozionato molto me. Forse anche così si annullano le distanze.

Sei al tuo quinto Sanremo: cos’è cambiato nel tempo?

Dipende dal direttore artistico e dalle regole (a volte devi portare un brano, a volte due). Quella che non cambia mai è l’emozione di stare sullo stesso palco dove hanno cantato grandissimi come Mina e Modugno. Il fatto che anche Baglioni mi abbia riconfermata mi riempie di orgoglio.

Stasera duetterai con Paola Turci.

Avevo bisogno di qualcuno con la mia stessa tempra e di personalità, e quindi Paola Turci è perfetta.

Solo quattro donne quest’anno in garaa Sanremo…

Beh, può succedere no? Essere per le donne non vuole dire essre contro gli uomini. Ci sono tanti gruppi, di solito le donne non creano band. E invece le ragazze dovrebbero farlo. E in ogni caso le donne che sono qui sono molto forti.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

On line il video “Soft robotics al servizio dell’uomo” sulle ricerche del Centro “Enrico Piaggio”

È il dodicesimo filmato della collana dell’Ateneo di Pisa “Raccontare la ricerca”

Lascia un commento

Oppure