Home / Stile di vita universitario / I migliori bar degli aeroporti del mondo dove bere un drink secondo Jetcost

I migliori bar degli aeroporti del mondo dove bere un drink secondo Jetcost

Bere un drink prima del proprio volo è una delle cose che i passeggeri amano fare di più in aeroporto, per ingannare le ore prima dell’imbarco o rendere meno pesante l’attesa durante un lungo scalo

I grandi aeroporti internazionali offrono tante tentazioni per l’intrattenimento, ma secondo un sondaggio effettuato dal motore di ricerca di voli e hotel www.jetcost.it, bere è una delle attività preferite dalla maggior parte dei passeggeri. Al giorno d’oggi, però, perché accontentarsi di bere una birra in un bicchiere di plastica, alcuni aeroporti offrono servizi esclusivi e bevande di gran classe per potersi rilassare al meglio.

Questa è la lista stilata da Jetcost con i migliori bar degli aeroporti dove prendere un drink.

1. ECCO, Aeroporto Internazionale di Atlanta (USA)

Situato nell’aeroporto internazionale Hartsfiel-Jackson, meglio conosciuto come aeroporto di Atlanta, ECCO vanta un menu di drink da lasciare a bocca aperta. Tra i loro cocktail ci sono il “Long live the queen”, fatto con Gin Bombay Sapphire, un goccio di liquore di sambuco, limone, pesca e menta, il “Living is easy” con vodka californiana Hangar One Straight, sciroppo di fragole e liquore alle erbe Gran Classico o il “Perkin’s Park” con una base di whisky High West Double Rye, Calvados Christian Drouin e liquore di mele Berentzen. Da ECCO si trovano anche più di 25 diversi tipi di whisky e bourbon. Inoltre, gli amanti del Gin Tonic non possono non provare “Nothing Fancy” con il blu gin austriaco Reisetbauer e l’acqua tonica Fever Tree. E’ il luogo ideale per fare una pausa ed evadere dalla frenesia degli aeroporti.

2. CRÚ Food and Wine Bar, Aeroporto Internazionale di Denver (USA)

Potete pensare che le parole vino e snob siano ridondanti, come freddo e neve, oppure dolce e caramelle. E avete ragione, ma non se andate al Crù Food and Wine Bar all’aeroporto Internazionale di Denver. Lì non si respira un’atmosfera tesa e tirata, ci si lascia solo tentare dai profumi che guidano i visitatori verso una nuova e divertente esperienza alla scoperta del vino. Qui, anche per i più esperti ed esigenti, è impossibile non trovare un buon bicchiere da assaporare. Nel menu ci sono oltre 30 vini al bicchiere e oltre 300 bottiglie, divise tra vini rossi e bianchi delle migliori cantine del mondo. Per accompagnare questa varietà di vini c’è anche un menu di tapas di lusso: prelibatezze come Steak Tartar, fichi allo spiedo, gorgonzola e riduzione di aceto balsamico, ma Jetcost consiglia di provare il piatto di calamari, gamberi impanati e peperoni fritti “Shishitos” (molto simili ai friggitelli tipici del Sud Italia) o la Fondue di formaggio con vino bianco.

3. Airbräu Brewery, Aeroporto Internazionale di Monaco di Baviera (Germania)

Trovare una birra in un bar dell’aeroporto è qualcosa di relativamente facile, ci sono birre di tanti tipi e origini; ma trovare una fabbrica di birra in un aeroporto non ha prezzo, e questo può accadere solo all’aeroporto di Monaco, l’unico in Europa ad avere al suo interno un birrificio. Airbräu Brewery produce la sua birra nel rispetto del decreto di purezza del 1513, utilizzando il luppolo locale della regione di Hallertau. Si può scegliere tra tanti tipi, dalla FliegerQuell, una semi-dry vincitrice due volte della medaglia d’oro ai DLG Awards, premio della Società Tedesca per l’Agricoltura, alla Airbräu Krampus, una birra scura servita solo in inverno, fino all’Aviator, una rossa doppio malto che vale la pena assaporare accompagnata da un Bretzel o da un piatto di salsicce alla griglia. Gli amanti della cultura tedesca apprezzeranno questo tipico birrificio con l’atmosfera da antica taverna bavarese, espressione perfetta della cultura locale. Con il bel tempo è piacevole godersi la propria birra sulla bella terrazza da 600 posti, la più grande, coperta, in Europa, dove da maggio si organizzano anche spettacoli dal vivo.

4. Runway 34, Aeroporto di Zurigo (Svizzera)

Andare al Runway 34 vuol dire dare un tocco glamour e di fascino al proprio viaggio: è ristorante, bar e “cigar lounge”, uno spazio polifunzionale. Il bar è talmente grande che si trova a parte, in un vecchio hangar completamente ristrutturato con pavimento in legno, pareti piene di finestre e buona illuminazione. Per chi vuole uno spuntino si può mangiare qualcosa sotto a un vecchio aereo sovietico del 1957 al “The Hangar Ristorante”, ma è più eccitante prendere un drink al “The Wingwalker Bar” che si trova all’interno della cabina dell’aereo, dove si può bere ammirando gli altri aerei che decollano e atterrano all’aeroporto di Zurigo. C’è anche un luogo pensato per i fumatori, il “The Smokers Lounge”, all’interno dell’aereo sovietico, dove gustare un cocktail con un sigaro cubano da scegliere in una lunga lista.

5. Beaudevin Wine and Tapas, Aeroporto di Bruxelles (Belgio)

Beaudevin Wine and Tapas è uno dei bar più rilassanti e belli che si possano trovare in un aeroporto, ideale per sorseggiare un bicchiere di vino e mangiare “Tapas” gourmet. Beaudevin si può tradurre dal francese in “vino bellissimo” e siamo totalmente d’accordo perché in questo bar tutto è realmente bello: dalle decorazioni che mettono in risalto i riflessi verdi brillanti delle bottiglie illuminate, agli sgabelli eleganti, allo stravagante lampadario realizzato con bicchieri di vino.

Il menu di vino e tapas è altrettanto interessante, e si raccomanda di chiedere il giusto formaggio per accompagnare il bicchiere di vino che si è scelto. E’ un’oasi di pace e bellezza in mezzo al caos dell’aeroporto.

6. Center Bar, Aeroporto di Zurigo (Svizzera)

L’aeroporto di Zurigo appare di nuovo in questa lista. Se Runway 34 era affascinante per la caratteristica location all’interno di un vecchio aereo sovietico, il Center Bar è il posto glam per eccellenza dove poter mangiare tartine di pane tostato e caviale o con il miglior salmone del mondo, il salmone Balik, accompagnate da un bicchiere di vino o champagne e con la musica dal vivo di un piano in sottofondo, mentre si guardano gli aerei decollare e atterrare attraverso una grande finestra. Anche l’arredamento è una vera delizia, semplice ma allo stesso tempo moderno, con un grande bar centrale dove ci si può sedere sui tavolini in legno con sgabelli in pelle. Visitarlo è un’esperienza ineguagliabile.

7. Lounge 5280, Aeroporto Internazionale di Denver (USA)

In aeroporto non è poi così strano bere alcolici di mattina, e il Lounge 5280 offre un motivo in più per farlo. Anche l’aeroporto di Denver compare per la seconda volta in questa lista e non potrebbe essere altrimenti, vista la lunga lista di cocktail anche “da colazione”, che comprende sei diversi tipi di Bloody Mary, la miglior cura per i postumi della sbornia del giorno precedente o per il jet-lag, oppure semplicemente perché può essere sempre un buon momento per bere.

Nel menu di cocktail c’è anche una sezione con le creazioni ispirate al Colorado, realizzate con prodotti locali come “Denver Cosmo” a base di vodka Leopold Silver Tree Small Bath, liquore di mirtilli rossi, liquore d’arancia Leopold e una spruzzata di succo di mirtillo Knudsen; o il “Bright and Sunny in Colorado” in cui é possibile scegliere tra Ron Montanya o Platino mescolato con la birra allo zenzero Gosling, spremuta d’arancia e foglie di menta fresca.
Il resto del menu è fantastico con una vasta selezione di whisky e bourbon, oltre 40 tipi, vini di qualità provenienti da tutto il mondo e un’ampia gamma di birre locali.

8. Casa Bacardi, Aeroporto di Stoccolma-Arlanda (Svezia)

Gli amanti dei cocktail classici a base di rum come il Mojito, il Daiquiri o il Cuba Libre, non possono perdersi una visita al Casa Bacardi, il locale che il marchio ha aperto due anni fa nel Terminal 5 dell’aeroporto di Stoccolma-Arlanda, in Svezia. Qui si offre da bere ai viaggiatori in un ambiente con colori caldi e vivaci che ricordano l’isola di Cuba degli anni ‘50. La fragranza esotica di menta fa in modo che ci si senta davvero ai Caraibi.

9. F*** Me, I’m Famous, Aeroporto di Ibiza (Spagna)

Cathy e David Guetta hanno creato nell’aeroporto di Ibiza qualcosa di inimmaginabile in qualsiasi altra parte del mondo: F*** Me, I’m Famous, una discoteca dove ci si può divertire con buona musica e cocktail originali in un’atmosfera “cool”. Il Lounge Club ha diverse aree per soddisfare le esigenze di tutti i viaggiatori: una pista da ballo vicino alla consolle del dj, una zona dove si può trovare la cucina locale con la possibilità di prenotare un tavolo, un negozio di merchandising FMIM e un angolo bar dove si fanno i migliori cocktail. Ibiza è stata la meta preferita dai turisti italiani che sono venuti in Spagna quest’estate, e questo anche per le discoteche e i bar che riempiono l’isola. Però tutti quelli che vanno a Ibiza, prima di tornare in Italia, possono dirle addio in grande stile.

Recentemente il club è stato ristrutturato da Cathy e Guetta, e, secondo Jetcost, il cambiamento è stato davvero notevole. Si proiettano i video delle migliori feste al F*** I’m Famous, c’è un enorme lampadario, un soffitto pieno di led, cannoni di luce, e c’è un “Kids clubs” con i colori del marchio rosso e nero. L’altra grande novità è il “music bar” dove non solo i dj possono intrattenere con gli ultimi successi, ma gli ospiti possono ascoltare la propria selezione di musica grazie al tablet Sony Xperia Z. Basta entrare nella speciale cabina da dj, a forma di stella, che è uno degli elementi più rappresentativi del marchio Guetta, sviluppata in collaborazione con Pioneer e installata nel centro della stanza.

10. Ferrari Spazio Bollicine, Aereoporto Leonardo da Vinci di Fiumicino, Roma (Italia)

In Italia, il Ferrari Spazio Bollicine è il luogo di riferimento. Il primo aperto in un aeroporto, è stato quello del Leonardo Da Vinci di Fiumicino, a Roma. Oggi questo bar è diventato un simbolo d’accoglienza e di stile all’italiana, un luogo dove offrire ai passeggeri un buon “Trento doc”. Ogni dettaglio è stato progettato per trasformare il tempo di attesa in aeroporto in un’esperienza di autentica qualità: arredi moderni in bianco e nero, splendidi mosaici, grandi specchi che mettono in risalto la cucina a vista con gli ingredienti di stagione usati dallo chef stellato di casa Ferrari, Alfio Ghezzi. Lui reinterpreta la cucina regionale in modo leggero e moderno e riesce a creare un menu ideale da accompagnare a ognuno dei vini Ferrari presenti nel ricco menu.

Potrebbe interessarti

Guarda anche

Il regalo di San Valentino che rompe i cliché

Il regalo di San Valentino che rompe i cliché

Il regalo perfetto per San Valentino, secondo le ricerche di Durex, è quello che rompe …

Lascia un commento

Oppure